Decreto “Cura Italia”: autonomi, famiglie e dipendenti.

Mar 16, 2020 | Diritto del Lavoro, Fisco

Circolare dello Studio.

Il Consiglio dei Ministri del 16/03/2020 ha approvato il decreto denominato “Cura Italia” volto a fronteggiare la dura emergenza sanitaria causata dal COVID-19. Lo scopo del decreto, è quello di aiutare aziende e contribuenti che, a causa delle ristrette direttive, da ormai diversi giorni, sono vittime di una bassa produzione. Nel dettaglio alcune delle misure:

  • FISCO

Slittamento delle scadenze fiscali e il differimento delle tasse con scadenza al 16 marzo. I versamenti sospesi saranno effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020;

  • CREDITI D’IMPOSTA PER BOTTEGHE E NEGOZI

Ai soggetti esercenti attività d’impresa è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60 per cento dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1;

  • CREDITI D’IMPOSTA PER SANIFICAZIONE AMBIENTI DI LAVORO

Allo scopo di incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, quale misura di contenimento del contagio del virus COVID-19, ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione è riconosciuto, per il periodo d’imposta 2020, un credito d’imposta nella misura del 50 per cento delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un massimo di 20.000 euro. Il credito d’imposta è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020;

  • NUOVO TRATTAMENTO CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIO

È previsto un nuovo trattamento di cassa integrazione ordinario in sostituzione dei precedenti ammortizzatori sociali in favore di: – Aziende che alla data di entrata in vigore del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, hanno in corso un trattamento di integrazione salariale straordinario; – Aziende che hanno in corso un assegno di solidarietà;

  • NUOVA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA

Le Regioni possono autorizzare una cassa di integrazione salariale in deroga in favore delle imprese per cui non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario in costanza di rapporto;

  • SOSTEGNO AUTONOMI, PROFESSIONISTI, ECC

Ai liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data del 23 febbraio 2020, ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data e, iscritti alla Gestione separata non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, agli operai agricoli a tempo determinato e ai lavoratori dello spettacolo, è riconosciuta un’indennità una tantum pari a 600 euro;

  • CONGEDO E INDENNITÀ PER I LAVORATORI

A decorrere dal 5 marzo 2020, e per un periodo continuativo o frazionato comunque non superiore a quindici giorni, i genitori lavoratori dipendenti del settore privato hanno diritto a fruire per i figli di età non superiore ai 12 anni, di uno specifico congedo, per il quale è riconosciuta una indennità pari al 50 per cento della retribuzione. La fruizione del congedo di cui al presente articolo è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori, per un totale complessivo di quindici giorni. In alternativa alla prestazione predette e per i medesimi lavoratori beneficiari, è prevista la possibilità di scegliere la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 600 euro, da utilizzare per prestazioni effettuate;

  • PREMIO LAVORATORI DIPENDENTI

Per quei lavoratori che non possono usufruire dello smart working, costretti a recarsi nei luoghi di lavoro che possiedono un reddito complessivo di importo non superiore a 40.000 euro spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro;

  • REQUISIZIONI STRUTTURE SANITARIE PRIVATE

Fino al 31 luglio 2020, la protezione civile potrà autorizzare la requisizione in uso o in proprietà, da ogni soggetto pubblico o privato, di presidi sanitari e medico-chirurgici, nonché di beni mobili di qualsiasi genere, occorrenti per fronteggiare la predetta emergenza sanitaria, anche per assicurare la fornitura delle strutture e degli equipaggiamenti alle aziende sanitarie o ospedaliere ubicate sul territorio nazionale, nonché per implementare il numero di posti letto specializzati nei reparti di ricovero dei pazienti affetti da detta patologia;

  • MISURE A SOSTEGNO DELL’UNIVERSITA’

Viene istituito per l’anno 2020 un fondo denominato “Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell’Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca” con una dotazione pari a 50 milioni di euro, da dipartire con decreto del MIUR. Inoltre, In deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo, l’ultima sessione di laurea dell’anno accademico 2018/2019 è prorogata al 15 giugno 2020. E’ conseguentemente prorogato ogni altro termine connesso all’adempimento di scadenze didattiche e amministrative funzionali allo svolgimento dell’esame di laurea. Nel periodo di sospensione della frequenza delle attività didattiche, le attività formative e di servizio agli studenti, inclusi l’orientamento e il tutorato, nonché le attività di verifica dell’apprendimento svolte o erogate con modalità a distanza secondo le indicazioni delle università di appartenenza sono computate ai fini dell’assolvimento dei compiti dell’Università e sono valutabili ai fini dell’attribuzione degli scatti triennali;

  • MUTUI

Sospensione delle rate del mutuo sulla prima casa per chi è in difficoltà, estesa anche agli autonomi che autocertifichino di aver registrato un calo del proprio fatturato, superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus;

  • LEGGE 104, PIU’ GIORNI DI PERMESSO

Il Cura Italia conferma l’aumento dei giorni di permesso retribuiti previsti dalla Legge 104 per l’assistenza di parenti disabili: per i mesi di marzo e aprile 2020 i permessi sono incrementati complessivamente di 12 giorni per ciascun mese;

  • AIUTI ALLE IMPRESE

Le imprese, potranno usufruire del Fondo di garanzia per le PMI, rafforzato con risorse aggiuntive di circa 1 miliardo. Il Governo ha stabilito misure di sostegno in capo allo Stato fino al 33% dei prestiti erogati. A ciò si aggiunge che per i prossimi 9 mesi, lo Stato si impegna a fornire una garanzia per i prestiti fino a 5 milioni di euro per investimenti e per saldare situazioni debitorie;

  • DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

Il termine per la domanda di disoccupazione agricola è prorogato al 1°giugno 2020 ma solo per le domande di competenza dell’anno 2019.

In merito alla fruizione degli incentivi e delle misure previste, si rimanda all’elaborazione di successive circolari interpretative che, lo Studio Chimento, metterà a disposizione di tutte le aziende e contribuenti, conseguenzialmente alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legislativo. Infine, lo Studio Chimento, è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:30 ed è a disposizione per eventuali chiarimenti, consulenze e supporto tecnico nella gestione dei vari eventi.